mercoledì 11 ottobre 2017

Di foglie, zucche, vellutate, gatti e un altro pò...



Se tu venissi in autunno,
Io scaccerei l'estate,
Un po' con un sorriso ed un po' con dispetto,
Come scaccia una mosca la massaia.

Se fra un anno potessi rivederti,
Farei dei mesi altrettanti gomitoli,
Da riporre in cassetti separati,
Per timore che i numeri si fondano.

Fosse l'attesa soltanto di secoli,
Li conterei sulla mano,
Sottraendo fin quando le dita mi cadessero
Nella Terra di Van Diemen.

Fossi certa che dopo questa vita
La tua e la mia venissero,
Io questa getterei come una buccia
E prenderei l'eternità.

Ora ignoro l'ampiezza
Del tempo che intercorre a separarci,
E mi tortura come un'ape fantasma
Che non vuole mostrare il pungiglione.

(Emily Dichinson) 



C'è sempre una zucca a casa mia da ottobre in poi.
Ci sono creme e  vellutate sulla nostra tavola come "entrée" nelle sere umide d'autunno.
Ci sono sempre foglie cadute sul prato. 
Ci sono i colori che tornano durante le ottobrate assolate.
C'è sempre il mio gatto in agguato quando cerco il sole, in giardino.
E c'è sempre un gatto che fotografo durante le mie passeggiate. 
Ho trovato anche una zucca, apparentemente abbandonata, su una terrazza vista mare.
Ci saranno novità questo autunno per me. Le sto aspettando.
Nel frattempo torno a respirare, proprio con questo autunno, che mi sta riportando lentamente a quella "normalità" che mi è mancata e  che ho tanto desiderato tornasse...


La ricetta è piuttosto semplice, ma confortevole, almeno per me lo è.

Ingredienti
1 Kg di zucca
2 piccole patate
1 cipolla bionda
1 cm di zenzero
Tartufo nero a fettine
Sale, Pepe
Olio evo
Semi di sesamo

Come si fa 
Pulite la zucca, pelate le patate e tagliate a cubetti.
In una pentola capiente, aggiungete la cipolla e lo zenzero affettati, l'olio, la zucca, le patate e fate rosolare un pò.
Ricoprite con acqua calda e fate cuocere fino a quando la zucca diventa tenera. 
Frullate il tutto , aggiustate di sale e pepe e servite ben calda guarnendo con le fettine di tartufo ed i semi di sesamo.
Note: Uso di solito tartufi all'olio che trovo in piccoli vasetti sia interi che a fette. 










3 commenti:

  1. Ah io sono pienamente d’accordo. Idem 😉

    RispondiElimina
  2. Bellissime fotografie..istantanee di emozioni e di un ottobre che regala ancora tanta luce e positività :-) Ti faccio tanti in bocca al lupo x le novità in arrivo e nel frattempo mi scaldo il pancino con la sua golosissima vellutata, una delle mie proferite ^_^
    Un abbraccio <3

    RispondiElimina
  3. Ciao Simo, ciao Consu! Un saluto immenso e grazie di essere passate di qua ��

    RispondiElimina

Grazie per l'attenzione e per i commenti che vorrai lasciarmi :) !
Patrizia