giovedì 30 marzo 2017

Quel pizzico di cannella nei maritozzi




(Raphael Gualazzi - Buena fortuna ft. Malika Ayane)
Quanto tempo è passato.
Tanto.
 Pensavo  che non sarei mai tornata a scrivere su queste pagine.
Pensavo anche di non essere  più capace di fare fotografie, di non avere abbastanza ispirazione, di non riuscire a trovare le parole da scrivere.
E' stato un inverno lunghissimo, pesante, stancante, di quelli che si ha voglia di chiudere fuori e non far entrare mai più, neppure tra i ricordi.
O forse sono solo io che l'ho vissuto così.
Ma poi...
Poi la Primavera arriva,il sole torna e l'aria nuova che risveglia ogni cosa, sa fare miracoli.
Soffia sui rami spogli, sui teneri boccioli  anche su di me e mi ispira, anche se forse non erano queste le parole che avrei voluto scrivere.
Ho un computer nuovo, la mia reflex funziona come prima dopo la riparazione ed io  non ho dimenticato, perchè fare fotografie mi piace.
Poi... 
Poi ho continuato a comprare piccoli oggetti , come il piatto con le bolle blu, le posate di legno che cercavo da tempo, nei  pomeriggi passati insieme a mia sorella, al suo bambino bellissimo e mia madre.
Noi, la famiglia di tante donne, sempre pronte a trovare quegli spazi che tanto amiamo. 
Mancava una ricetta .

L'ho trovata su di un appunto scritto a mano , tra le pagine del mio quaderno datato. 
Come tante di quelle ricette, ci sono appuntati solo gli ingredienti, come si fa... beh, si fa come viene, delle ricette ad occhio non si poteva chiedere il peso degli ingredienti, figuriamoci se si poteva chiedere come si fa ! 
Perché questa è una delle ricette più datate che conosco, nel senso che era mia nonna che dal suo forno a legna, sfornava ceste piene di maritozzi, profumati e buonissimi specialmente ancora caldi.




Ingredienti 
600 g di farina 00
250 ml di latte
15 g di lievito di birra fresco
4 uova
200 g di zucchero
1 pizzico di sale
80 ml di olio e.v.o.
semi di bacca  di vaniglia
Inoltre 
Cannella a piacere
Uvetta sultanina a piacere
Come si fa
Sciogliete il lievito di birra nel latte appena tiepido, versatelo  nella ciotola della planetaria  insieme a  tutti gli altri ingredienti partendo dalle uova leggermente sbattute, finendo con la farina. Avviate e impastate a lungo fino a quando l'impasto risulterà omogeneo, liscio e si staccherà dalle pareti.  Poco prima si spegnere, aggiungete l’uvetta precedentemente ammollata e ben strizzata.
Rovesciate l'impasto in una ciotola, coprite con pellicola alimentare e fate lievitare fino al raddoppio. Riprendete la pasta,  rovesciatela sulla spianatoia infarinata, prelevate piccole palline di impasto fatele roteare velocemente sulla spianatoia e  formate i maritozzi.
Potete preparare anche altre forme, come treccine o brioche arrotolate, oppure, come ho fatto io, fare un’unica pagnottella da tagliare a fette.
Disponete i maritozzi sulla placca del forno distanziandoli tra di loro, coprite con un canovaccio e fate lievitare ancora mezz’ora.  
Spennellate la superficie  con acqua e zucchero e fate cuocere in forno preriscaldato a 180° per 40-45 minuti. 















2 commenti:

  1. Che bello rileggerti dopo questo lungo inverno. E' vero la primavera sa fare miracoli e risveglia i ricordi..non potevi scegliere ricetta migliore x trasmettere le tue emozioni :-)
    A presto <3

    RispondiElimina
  2. Ben tornata! Foto e ricetta davvero splendide!

    RispondiElimina

Grazie per l'attenzione e per i commenti che vorrai lasciarmi :) !
Patrizia