martedì 12 aprile 2016

Hopper, la soffitta ed un cake senza glutine



La mia cara amica Laura mi ha invitata ad andare insieme a visitare la  mostra di uno dei nostri  pittori preferiti, Edward Hopper, a Bologna .
E meno male che ci ha pensato lei, mi ero persa questa notizia, nonostante a Bologna io vada spesso!
Hopper lo adoro.
Adoro le sue figure femminili solitarie, adoro i suoi fari, adoro l'azzurro dei suoi paesaggi marini, adoro  le sue finestre aperte e lo sconfinato giallo dei suoi campi .
Insomma l'adoro.
"Edward Hopper a Bologna. Orizzonti di malinconia e luce chiara". 
Non vedo l'ora di tornare  a Bologna, di essere "ospite" dal mio ragazzo e poi, non vedo l'ora  di ammirare Hopper con Laura e lasciarmi avvolgere dalla sua luce chiara, da quella vena malinconica eppure tanto  affascinante delle sue opere e magari,  di poterne raccontare le  mie emozioni qui.
Intanto,  mi lascio avvolgere dalla luce chiara di questa esplosa primavera (finalmente!) e dai chiaro-scuri della mia soffitta -in allestimento-.

Edward Hopper (1882 1967) Light at Two Lights 1927 Watercolor and graphite pencil on paper (dal web)

Quello che vorrei dipingere è la luce del sole sulla parete di una casa.
(Edward Hopper)
  

Ho comprato un piccolo mazzetto di tulipani.
Amo i tulipani.
Poi sono andata in soffitta : lassù tra i miei scatoloni pieni di ricordi, sedie vecchie,  le mie tavole, tavolette e  tavolini, ho quasi ricavato il mio spazio ideale.
Le due finestrelle rimandano la luce calda del sole e creano giochi di ombre  che adoro, avvolgenti e  misteriose,  adatte a creare sfondi scuri naturali.
Solo che ogni volta che mi piazzo sotto la finestra do delle gran capocciate al muro, perchè io altissima non sono, ma la soffitta è più bassa di me.
Devo escogitare qualcosa...
Però mi salva quando, col poco tempo che ho, posso lasciare tutto così com'è: quell'ordine apparente nel disordine che creo ogni volta che mi viene voglia di fare fotografie e perdo la cognizione del tempo e da casa, mi arriva la voce di mio marito : -Pat, è tardi, scendiiiii !- 
E' tardi.
E' tardi!
 - Corri che è tardi !! - Già è tardi, e intanto arriva la luce migliore ed io me ne devo andare.
Dovrò sistemare un orologio, da qualche parte. 
Con i miei tulipani ho fotografato un cake senza glutine. Perchè un dolce a colazione si può (e si deve), anche in questo periodo in cui sto imparando a controllare quelle che sono delle lievi intolleranze con le quali devo fare i conti.



PLUMCAKE  CON YOGURT E FRAGOLE
(senza glutine)

Ingredienti
200 g di farina di riso
50 g di amido di mais
180 g di zucchero di canna fine
3 uova medie (60 g ognuna pesate col guscio)
75 ml di olio extra vergine d'oliva
170 g di yogurt greco intero 
buccia grattugiata di 1 limone 
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale 
5 - 6  fragole  ben mature (ozpionale)

Come si fa 
Separate i tuorli dagli albumi, montate i primi con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.  Aggiungete lo yogurt,  la buccia di limone mescolando e l'olio a filo sempre continuando a mescolare.  Aggiungete infine le farine setacciate con il lievito ed amalgamate al composto.  Montate a neve ben soda gli albumi con il pizzico di sale ed aggiungete all'impasto con una spatola delicatamente,facendo attenzione a non smontarli.
Imburrate ed infarinate con la farina di riso  uno stampo da plum cake, versate il composto e livellate.
Lavate, asciugate 5-6 fragole ben mature, tagliatele a piccoli pezzi e adagiatele sulla superficie del dolce.
Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti, fate raffreddate e cospargete di zucchero a velo.




4 commenti:

  1. Sarei proprio curiosa di vedere quel tuo angolino in soffitta, la luce che filtra dalle finestre e tu intenta a dare sfogo alla tua passione..nell'occasione ti avrei sicuramente rubato una fetta di questo delicatissimo cake :-)
    Complimenti Pat e chissà che queste piccole intolleranze non diano ancora più sfogo alla tua fantasia :-)

    RispondiElimina
  2. Anch'io sono ispirata dai mazzetti di tulipani che trovo al Ldl e che sto prendendo ormai regolarmente tutte le settimane. Finchè non fioriscono i fiori del mio giardino.
    Favoloso il tuo plumcake alle fragole, dev'essere sofficissimo!

    RispondiElimina
  3. bella ricetta e bel blog, complimenti!!!

    RispondiElimina

Grazie per l'attenzione e per i commenti che vorrai lasciarmi :) !
Patrizia