mercoledì 1 luglio 2015

Buon viaggio, che sia un'andata o un ritorno... (Share The Love)



https://www.youtube.com/watch?v=1pRPXIC4Vtk
 "Buon viaggio
Che sia un'andata o un ritorno
Che sia una vita o solo un giorno
Che sia per sempre o un secondo
L'incanto sarà godersi un po' la strada "
(C. Cremonini)

Domenica sera.
Siamo in viaggio.
L'autostrada fuori dai vetri rimanda dall'asfalto, il calore di una giornata particolarmente afosa mentre corre veloce  ai confini del mare, tra gli oleandri  in fiore dei guard rail.
Quel mare che ogni volta che riappare, dopo la piatta  monotonia della pianura, vorrei  abbracciare per quanto è  meravigliosamente bello e familiare.
Sono già a casa. Anche se manca ancora una manciata di chilometri.
Sono a casa tra  colline verdi, distese gialle di girasoli e la spiaggia ormai deserta e silenziosa.
La radio va e passa con  leggerezza, le canzoni che saranno la colonna sonora di questa estata esplosa già in tutto il suo splendore.
Siamo a casa.

Apro il frigorifero per vedere cosa posso preparare per cena.
E' ormai tardi e quindi improvviso una frittata e delle zucchine grigliate.
Trovo anche una manciata di olive nere.
Ed improvvisamente le vedo.
Le amarene.  Me ne ero completamente dimenticata!
Mia madre, puntuale come previsto,  me ne ha lasciato una  ciotola colma  , prima di mettere il resto  al sole.
Perchè io avevo pensato di preparare una buona marmellata.
Sono stanca,  ho sonno, ma le amarene sono troppo preziose per farle rovinare.
Mi risposerò più tardi  - mi dico - e mi metto al lavoro!

Un grande saluto a tutti e... felice luglio!
Patrizia 


Confettura di Amarene 

Ingredienti
  1,250 kg di amarene (peso netto)
  600 g  di zucchero
1 piccola mela

Come si fa
Lavate, asciugate e denocciolate le amarene. Pesatele ed aggiungete lo zucchero, pari alla metà del peso netto delle amarene e la mela tagliata a cubetti. Servirà a far addensare prima la confettura senza l'aggiunta della  pectina.  
Portate a cottura in  una pentola dal fondo spesso , a fiamma moderata. 
Mescolate di tanto in tanto e togliete la schiumetta che si forma durante la cottura. 
Ci vorrano 40- 50 minuti circa  e comunque,  la vostra confettura sarà pronta quando versandone un poco  sul piattino ed inclinandolo , non colerà ma resterà compatta ed omogenea. 
Considerate che anche  se vi sembrerà un pò liquida, una volta fredda risulterà molto più densa.
Versate la confettura ancora bollente nei vasetti precedentemente sterilizzati (bollirli ripocerti di acqua per 15 minuti) , chiudete subito e poneteli  capovolti sopra una grossa tovaglia  per far formare il sottovuoto. 
Avvolgete i vasetti con la tovaglia stessa e lasciateli avvolti fino a quando non saranno completamente freddi.
Note : non ho pesato le amarene prima di denocciolarle e quindi le dosi riportate sono già al netto.
Per lo zucchero, ho aggiunto metà del peso netto delle amarene, considerato che i frutti erano molto maturi. Regolatevi quindi a seconda della dolcezza che desiderate.
Ho lasciato la confettuta con i pezzetti della frutta  non del tutto disfatti , se preferite una consinstenza omogenea, frullate  con un frullatore ad immersione  a metà cottura circa.
Per concludere, per maggior sicurezza,  si possono anche pastorizzare i vasetti pieni di confettura immersi in acqua fredda, per venti minuti circa da quando iniziano a bollire.





7 commenti:

  1. E sarà un'estate fantastica, all'insegna di viaggi indimenticabili e ricordi indissolubili. E sarà un'estate al profumo di amarene ...anzi, marmellata di amarene. Un semplice barattolo che custodisce un sapore unico. Buon 1 Luglio , Patrizia .
    Un abbraccio,
    Anna

    RispondiElimina
  2. Patrizia mi becchi su una cosa che non amo molto fare...confetture e marmellate...facciamo che io porto il pane e ci spalmiamo la tua spettacolare marmellata :P baciiiiiii

    RispondiElimina
  3. Amo il particolarissimo sapore delle amarene, Patrizia. La confettura che hai preparato è straordinaria. Un aocnsistenza perfetta, un colore meraviglioso e sicuramente avrà un sapore irresistibile.
    Un caro saluto,
    Maria Grazia

    RispondiElimina
  4. L'ho fatta anche io e non ne ho mai abbastanza.
    Anche la tua sembra ottima, con quei pezzettoni lasciati natural.

    RispondiElimina
  5. Confesso che anch'io non avrei ceduto al loro fascino nonostante la stanchezza ed il viaggio sulle spalle. Bentornata a casa <3

    RispondiElimina
  6. E' di certo una delle mie preferite

    RispondiElimina

Grazie per l'attenzione e per i commenti che vorrai lasciarmi :) !
Patrizia