lunedì 15 giugno 2015

Le lampare, il mare ed una ricetta

“Vide le luci in mezzo al mare

pensò alle notti là in America

ma erano solo le lampare e

la bianca scia di un’elica…”

(Caruso – Lucio Dalla)

"La prima volta che ho visto la scia di luci in mezzo al mare, ho pensato anch’io ad una piccola città spuntata dalla calma dell’immensa distesa marina, in una sera come tante, senza luna."

Vi racconto del mare, della sua infinita bellezza , della gran serenità che ispira un porto, guardando le barche cullate dalla risacca. 
Ve lo racconto io, "ragazza di collina", che ho imparato ad amare e vivere  il mare ed i porti grazie al mio compagno di vita, che si diverte ancora adesso a prendermi in giro, con quell'appellativo che porterò sempre addosso! 
Racconto quel poco che so di un mestiere antico come la pesca, della generosità del nostro mare che offre grandi quantità di pesce azzurro.
E vi lascio una ricetta, originale, preziosa e di carattere, della quale mi ha fatto dono il Signor Augusto che ringrazio infinatamente  e di cuore,  affinchè anch'io la conoscessi e potessi a mia volta farvela conoscere,  la "pasta con il piccato di pesce  alla giuliese " !
Il mio consiglio è di andare a scoprirla...  nei suoi pochi e genuini ingredienti, racchiude non solo l'intenso profumo, ma piccole storie di mare e di marinai!

Ovviamente su quello che è un sito molto bello che si arricchisce ogni giorno di più, dedicato alla nostra regione : "Taste Abruzzo, dove il sapore incontra la natura".
E questa volta c'è un incontro perfetto tra natura, profumi, sapori e tradizioni di mare!

Vi lascio con  l'augurio di buona settimana e di buona lettura,

Patrizia

Lampara
Vongolare




12 commenti:

  1. A qualsiasi età si inizi, come si fa a non amare il mare? :) e un primo piatto così, è da elogio perfetto a questa grande ed immensa ricchezza.
    Buona settimana Patrizia :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna... ti ringrazio infinitamente per le belle parole che mi lasci, e sono molto contenta che il nostro piatto ti sia piaciuto!
      E per me è bello questo apprezzamente , oltre che importante, perchè il Signor Augusto me ne ha fatto dono e perchè la nostra terra, l'Abruzzo, con il suo mare e le sue meraviglie, merita di essere conosciuta !
      Un abbraccio,
      Patrizia

      Elimina
  2. Tesoro non potrei vivere senza mare per me é vitale perdermi nel suo immenso blu come questo piatto che rende omaggio ai suoi doni e sembra , credimi, che il profumo arrivi fin qui!! Tvb,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Imma cara... anche tu come me ami il mare, e come non amarlo, se bagna una splendida città come la tua...
      Un abbraccio immenso... tvb anch'io dolce ragazza !

      Elimina
  3. il mare è lo spazio immenso che fa sognare piccoli e grandi...e questo piatto farebbe sognare chiunque...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Luisa... chissà quante cose racconterebbe il mare se potesse parlare...
      Il piatto, hai ragione è molto buono :)
      Baci

      Elimina
  4. Che bellissimi ricordi..grazie x averli condivisi <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te Consu... penso che sia sempre bello condividere , specialmente se lo si fa con sincero entusiasmo , un abbraccio !

      Elimina
  5. Una ragazza di collina,che ha saputo cogliere tutte le sfumature che un mare sa dare,che solo il mare sa dare!E che doni preziosi poi...vado subito a cercare ciò che ti ha lasciato il signor Augusto!
    Un abbraccio ragazza di collina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio anche a te cara Damiana... sai, il Signor Augusto ha promesso di donarmi altre ricette e chissà che buone che saranno, come questa!
      Grazie per le tue belle parole ... a presto :)

      Elimina
  6. Bellissimo post.... adoro il mare!!!

    RispondiElimina

Grazie per l'attenzione e per i commenti che vorrai lasciarmi :) !
Patrizia