giovedì 9 aprile 2015

Da un vecchio mulino ad acqua, la Mugnaia



Della pasta alla mugnaia ho un ricordo molto particolare di  quando, ancora con mio figlio piccolino, nelle domeniche d'inverno  più assolate  ce ne andavamo a fare sci di fondo, nella  splendida cornice della vallata del Voltigno, nel comprensorio del Gran Sasso e Monti della Laga , il cuore dei nostri Appennini.  
A dire il vero, lo sci è uno sport che non mi  è mai appartenuto e ben lontano da me che da sempre, è il mare che vivo. 
Ma lo sci nordico, chissà perchè mi pareva alla mia portata e  quindi, con l'incoscienza della mia giovane età ,  non ci pensavo due volte ad issarmi su quegli stretti sci.
-Sono innocui -mi dicevo-  basta farli scivolare su una pista pianeggiante,  priva  di discese pericolose e viaaaa ! -
E così, tra le   cadute iniziali, alla fine andavo spedita, tranne poi incontrare qualche piccola discesa e allora - Pistaaaaaaaaaaaaaa- con tutti che ridevano e si scansavano! 
Ed io , sfidandomi tenacemente,  mi aggrappavo ai bastoncini con  tutto l'orgoglio di  chi vuole rimanere in piedi, riuscendoci  pure! 
Cominciò così la mia avventura con lo sci ed è ancora così che va,  perchè a sciare io, non ho mai imparato seriamente. 
Ancora oggi gioco  con  la neve per il gusto di farlo.
Di quelle domeniche di risate e di divertimento, insieme al nostro numeroso gruppo di amici, tutti aspettavamo  l'ora tarda della pausa pranzo, quando per riscaldare il corpo e la mente, ci deliziavamo assaggiando i buoni piatti tipici della zona, in caratteristici agriturismi o ristoranti. 
La pasta alla mugnaia non mancava mai.
La conoscevo già ovviamente, ma se devo ricollocarla ad un determinato momento, la pasta alla mugnaia è là, tra quelle domeniche, su quegli sci  che torna.

 

Un saluto a tutti e alla prossima !
Patrizia  

8 commenti:

  1. E' sempre un piacere leggerti e le tue foto hanno il potere di catturare immediatamente l'attenzione.
    Questo formato di pasta dalla lavorazione così particolare (sono andata a leggere di là) mi incuriosisce molto e spero di avere presto l'occasione di mettere anch'io le mani in pasta.
    Complimenti per le tue proposte, sempre originali ma rispettose della tradizione e presentate con molto buon gusto
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia, sei sempre tanto gentile :) con le tue parole, con i tuoi complimenti... grazie davvero tanto !
      Un abbraccio a te :)

      Elimina
  2. Io invece non sono mai riuscita a farmi piacere la neve, lo sci e la montagna intesa come sport. Ti invidio perchè mio marito sarebbe l'uomo + felice del pianeta se almeno una / due volte l'anno gli concedessi la mia presenza sulle piste..
    Bellissimi anche i tuoi ricordi che incorniciano una ricetta da urlo..mi vado a segnare gli ingredienti e nel frattempo ti auguro una felice serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco vedi, invece tra noi, è mio marito che non ama lo sci, come non ama affatto la montagna :) , però ci viene volentieri , tanto alla fine ci si diverte lo stesso !
      Grazie, un bacione grande carissima !

      Elimina
  3. La ricetta è strepitosa...per quanto riguarda la neve purtroppo non mi piace.
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  4. Quest'anno ho ricominciato a sciare dopo tanti anni visto che ormai ci andiamo una settimana l'anno, non sarà mai il mio sport preferito ma almeno mi sono divertita!!!! Ottima questa pasta!!!! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Giuliana, bisogna buttarsi su tutto, anche se per puro divertimento :) !
      Grazie mille, un bacione !

      Elimina

Grazie per l'attenzione e per i commenti che vorrai lasciarmi :) !
Patrizia