giovedì 19 giugno 2014

Il giallo e le bananine


Si dovrebbe, almeno una volta ogni giorno, ascoltare qualche canzone, leggere una bella poesia, vedere un bel quadro e, se possibile, dire qualche parola ragionevole.

  (Johann Wolfgang Goethe )




Era in archivio da tempo immemore.
Ma no, immemore no, ma da qualche mese sì,  cioè da Pasqua, quando avevo preparato le peschette dolci  per Abruzzo in tavola. 
Praticamente la ricetta è la stessa, quello che bisogna cambiare è la forma dei biscotti, la bagna e la farcia.
Le bananine sono dolcetti monoporzione tipici della mia zona che a me ricordano tanto quando li preparava la mamma di una mia amica di scuola e compaesana, con la quale sono cresciuta insieme. Che mangiate di bananine !
Dolcetti tanto golosi che io adoravo, con quel profumo di banana della bagna, quel ripieno fantastico di crema pasticcera, o cioccolato spalmabile e lo zucchero attorno da leccarsi le dita!
Alla buon'ora quindi, ho  deciso di pubblicare questa ricetta perchè è un pezzo della mia vita e perchè tipicissima della mia regione, l'Abruzzo !
E poi perchè  questo giallo  sia di buon auspicio e riporti il sole che manca da una settimana ormai.
Per farcire le mie bananine,  ho usato la buonissima Nocciolata Rigoni di Asiago , pur se la ricetta oginiale prevede l'uso di crema pasticcera.

Ingredienti
per i biscotti
500 g di farina 00 
 3 uova
1 tuorlo
70 g di burro sciolto
50 g di olio evo
150 g di zucchero
la scorza grattugiata  di 1 limone
2 cucchiaini di polvere lievitante per dolci
 Inoltre 
bagna alla banana analcolica o liquore alla banana  quanto basta
zucchero quanto basta
 pirottini di carta

Come si fa
In una ciotola o nella planetaria, montate  le uova con lo zucchero per qualche minuto, aggiungete l'olio, il burro sciolto, la scorza del limone ed amalgamate il tutto. 
Agiungete infine la farina setacciata con il lievito ed impastate fino a formare un panetto morbido ma lavorabile con le mani. Lasciate riposare mezz'oretta ma non nel frigo.
A questo punto formate delle piccole mezze lune avendo l'accortezza di assottigliare le punte e disponetele sulla placca del forno rivestita di carta forno, distanziandole un pò tra di loro.
Cuocete in forno preriscaldato a 160° per 15 minuti.  La temperatura dipende dai forni, comunque i biscotti non devono colorire troppo.
Sfornate, lasciate raffreddare .
Ora, se volte potete scavare un pochino i biscotti con un coltellino, oppure potete lasciarli interi, a seconda se volete far contenere più farcia o meno , a voi la scelta !
Preparate in un piatto la bagna con il liquore alla banana (o la bagna analcolica se li preparate per i bambini) con aggiunta di acqua e  zucchero  a  piacere per diluire un pò (ma potete anche non diluire).
Preparate  un piatto con lo zucchero semolato.
Passate velocemente i biscotti  nella bagna. Riempite ciascun biscotto con la Nocciolata , accoppiateli , ripassateli ancora nella bagna ed infine  rotolateli nello zucchero e ricopriteli uniformemente.
Disponete ciascuna bananina  sul pirottono di carta, , fate riposare un'oretta  e  servite.
Se volete farcire le vostre bananine con crema pasticcera, trovate la mia ricetta  qui.
Nota : il liquore alla banana si trova anche in crema , (io ne ho trovato uno artigianale molto buono), ovviamente va bene lo stesso ! 

Buona giornata !





11 commenti:

  1. Queste bananine sono deliziose da vedersi e da mangiarsi, beh, non c'è bisogno di specificare :)
    Appena organizzo una merenda per i bimbi delle mie amiche le preparo assolutamente, grazie!
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  2. bellissime queste bananine, le avevo sbirciate su fb...ma non dirmi che esiste un liquore alla banana e io non l'ho mai visto né assaggiato....wooow meravigliosa bontà, grande Patty!

    RispondiElimina
  3. Sei pazza a non pubblicare subito una ricetta così bella, me ne sono innamorata!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Sono bellissime le tue bananine Patrizia!! Anche qui da me le prepariamo, come pure le peschette, per le feste e per i momenti più importanti. Non c'è matrimonio, o battesimo, o comunione in cui non è presente questo dolcetto delizioso!! Baci e a presto, Mary

    RispondiElimina
  5. Ma sai che io le bananine proprio non le conoscevo? Ti dirò mi piacciono di più rispetto alle pesche, le trovo più simpatiche e poi Patrizia le tue sono tanto fotogeniche e belle. Il bello di "bloggare" è anche questo conoscere nuovi cibi attraverso la lettura ...baci Enrica

    RispondiElimina
  6. Neppure io le conoscevo! sono simpaticissime :) e gialle, tanto gialle! e zuccherose, tanto zuccherose! e allegre, tanto...
    ok la pianto, ti saluto, ti ringrazio e vado :)
    ciao, tam

    (lo so, come dice Goethe avrei dovuto sforzarmi di dire qualcosa di ragionevole.... ma davanti allo zucchero divento svampita:)

    RispondiElimina
  7. non per niente l'ha detto Goethe ,mi piace tanto come le tue bananine,bravissima

    RispondiElimina
  8. Belle davvero Patrizia, le ho scoperte oggi con il tuo post e le trovo carinissime. la crema di nocciole poi ha fatto tutto il resto...irresisitibili. Un abbraccio e buon week end!

    RispondiElimina
  9. Ma quante belle cose si scoprono qui da te!!!!
    Conosco bene le peschette perchè le fanno anche qui in Molise però non conoscevo affatto le bananine!!
    Bravissima come sempre Patrizia!!!
    Un mega bacio e buon fine settimana
    Carmen

    RispondiElimina
  10. Belle le foto, sicuramente ottime le bananine, dolcissima come sempre la tua introduzione...
    Brava, Patrizia!!!
    Un bacione.

    Valeria

    RispondiElimina
  11. che belle Ale, devono essere buonissime!!!

    RispondiElimina

Grazie per l'attenzione e per i commenti che vorrai lasciarmi :) !
Patrizia