martedì 24 giugno 2014

I sapori delle tradizioni di famiglia per Abruzzo in tavola!






Vi avevo anticipato che sarei tornata presto ed eccomi qua, a presentarvi la ricetta  per la nostra bella pagina "L'Abruzzo in tavola"!
Siamo arrivati pian pianino all'estate, il primo caldo si fa sentire e quindi anche le nostre tavole si adeguano,  si ha voglia di cibi più veloci da preparare con gli ingredienti di stagione che  maturano generosamente sotto al sole.
Il tema scelto questo mese quindi,  vuole dare spazio alle nostre  ricette estive di famiglia, comunque tipiche abruzzesi e che ognuno personalizza come più gli piace!
Anche questa volta ho pensato tanto a quale ricetta scegliere, tra le tante che conosco e che mi ha insegnato mia madre che, in quanto a piatti tradizionali è imbattibile, ed alla fine ho scelto di presentarvene non una, ma due !
La prima , una ricetta semplicissima, ha radici lontane e profonde, tipica delle tradizione povera contadina che fortunatamente è arrivata fino a noi ed  è  sempre attualissima !
La seconda, altro non è che una variante della prima che, con l'aggiunta di un solo ingrediente, il pomodoro, acquista tutt'altro aspetto e sapore e diventa una pietanza  facile da preparare, gustosissima e nutriente .
Sto parlando dei "Peperoni fritti e uova " e dei "Peperoni, pomodoro e uova in Purgatorio", che nella mia famiglia  d'estate,  facciamo tutti, da mia madre, alle mie sorelle ed io.
Per prepararli  occorrono quindi pochi  ingredienti ma di qualità e di stagione: i pomodori ed i peperoni  maturi dell'orto,  le uova fresche e l'olio extra vergine d'oliva dell'ultima spremitura.
Vi basterà aggiungere una profumata pagnotta di pane fresco, possibilmente del tipo casereccio cotto nel forno a legna ed un fiasco di vino rosso, magari il nostro Montepulciano, schietto e generoso !

 Peperoni fritti e uova 
(Pipindun' e ove)
per 4 persone
800 g di peperoni cornetti rossi e verdi
3-4 uova
olio extravergine di oliva
sale, pepe

Come si fa 
Lavate ed asciugate i peperoni, togliete il picciolo, tagliateli a metà, eliminate i semi ed infine  tagliateli a listelle.
Fateli cuocere in una larga padella antiaderente con l'olio evo, circa mezzo bicchiere (mi raccomando non troppo olio, non devono essere sommersi!) , a fuoco vivace girando spesso per non farli bruciare, finchè non risulteranno appassiti. 
A questo punto scolateli un pò dell'olio in eccesso, rimetteteli in padella , salate e pepate.
Rompete le uova in un piatto, salatele moderatamente, sbattetele velocemente con una forchetta per amalgamarle,  versatele sopra ai peperoni fritti, riportate la padella sul fuoco, girate con un cucchiaio di legno fino a quando le uova cominciano a rapprendersi, fate colororire un pò e spegnete. I vostri peperoni fritti e uova sono pronti !
Questa pietanza è talmente versatile che diventa piatto unico per una cena veloce, contorno, antipasto sopra una bella bruschetta e farcitura meravigliosa per un bel panino che rimarrà morbido per ore.
Potete solo immaginare che bontà sia un panino preparato con due fette di pane casereccio ed una generosa porzione di peperoni fritti e uova? No? Allora dovete assolutamente rimediare!






 Peperoni e pomodoro con uova in Purgatorio
per 4 persone 
800 g di peperoni cornetti rossi e verdi
1,5 kg di pomodori rossi maturi (a pera o tondi)
4 uova (1 a testa)
olio evo
sale, pepe
1 ciuffo du basilico 

Come si fa 
Lavate e spellate i pomodori che devono essere ben maturi, dolci e saporiti, privateli dei semi, tagliateli a pezzetti, metteteli in una larga padella, aggiungete qualche cucchiaio di olio evo, 3-4 foglioline di basilico fresco, portate sul fuoco e fate cuocere dolcemente girando ogni tanto. Aggiustate di sale.
Nel frattempo , cuocete i peperoni seguendo lo stesso procedimento descritto sopra ma senza l'aggiunta delle uova e cioè,  lavate ed asciugate i peperoni, togliete il picciolo, tagliateli a metà, eliminate i semi ed infine  tagliateli a listelle.
Fateli cuocere in una larga padella antiaderente con l'olio evo a fuoco vivace girando spesso per non farli bruciare, finchè non risulteranno appassiti.
Una volta appassiti ,  salati e scolati, tuffateli nel pomodoro e fate andare insieme a fuoco dolce fino a quando il pomodoro non risulterà cotto. Ma, circa 10 minuti prima , fate lo spazio necessario per le 4 uova tra i peperoni  e  rompete le uova, una alla volta , direttamente nel tegame. 
Aggiustate di sale , aggiungete un pizzico di pepe , coprite con un coperchio e fate cuocere le uova per circa 10 minuti, fino a quando non avranno formato una pellicola bianca.
Spegnete, profumate con qualche fogliolina di basilico spezzettata e servite, con una bella pagnotta di pane casereccio ! 
Non siate avari con la quantità di pane, questo piatto ne vuole molto!
Buono sia caldo che freddo, è un vero paradiso di sapori autentici della  tradizione culinaria abruzzese.
Per quanto riguarda invece il nome, quelle "Uova in Purgatorio" vogliono ricordare quasi sicuramente le anime del Purgatorio, dal fatto che le uova cuociono tra le lingue di fuoco rosse  del pomodoro, rimanendo a galla !
Una piccola nota, chi non gradisce le uova, può ometterle, perchè peperoni e pomodori sono buonissimi anche senza.  Delle volte io li preparo proprio così , senza !
Spero di non avervi annoiato considerata la lunghezza del post e delle troppe fotografie, ma con due piatti come questi, con l'amore che provo per la mia terra , non sono riuscita ad essere più sintetica!
Salutantovi tutti, però non posso non consigliarvi di provare entrambe le ricette, forse mi ringrazierete per avervele fatte conoscere:) !









Alberi al porto turistico di Pescara

Incontri in spiaggia : il Fratino

Roseto degli Abruzzi

La costa dei Trabocchi (CH) e all'orizzonte la Maiella

San Vito Chietino


10 commenti:

  1. Che bellissime foto!!! Sanno di vacanza, estate e aria buona..che voglia di ripartire subito...
    Il tuo piatto è stupendo, complimenti!!

    RispondiElimina
  2. Sono una fan dell'Abruzzo, sono tantissimi anni che trascorro le mie vacanze in quella splendida regione. Le tue foto sono splendide così come la ricetta che hai proposto :)
    Da oggi sono una tua follower

    RispondiElimina
  3. Un post stupendo, grazie mille per questa condivisione!!!!

    RispondiElimina
  4. la cucina abruzzese purtroppo la conosco poco...grazie mille per queste ricette stupende, sarà mia briga prepararle al più presto! :) grande Patty come al solito e belle le foto!

    RispondiElimina
  5. Che spettacolo Patrizia, i posti di mare hanno una marcia in più, non c'è niente da fare! Il tuo piatto è delizioso , mi ricorda una preparazione simile che faceva mia mamma quando ero piccola proprio con pomodoro e uova in purgatorio....una cosa buonissima ! Un abbraccio, Angela

    RispondiElimina
  6. Grazie della visita al mio www.paneperituoidenti.it, cara Patrizia!
    Se a te manca all'appello il clafoutis, io non ho mai fatto le uova al Purgatorio... ma sono in programma per i prossimi giorni!!!

    Un bacione.

    Valeria

    RispondiElimina
  7. Patrizia cara, finalmente riesco a passare da te...Ho già avuto modo di apprezzare questi meravigliosi piatti della tradizione su fb, ma voglio lasciarti un segno del mio passaggio anche qui! Sei semplicemente bravissima e queste ricette sono deliziose!! Anche qui da me si fanno le uova nel sugo, ma senza peperoni. Non vedo l'ora di provare la tua proposta saporita e colorata!! Bacioni, Mary

    RispondiElimina
  8. Le nostre cucine, che si assomigliano un pò, hanno le loro radici in quella tradizione contadina basata su piatti semplici e appetitosi.
    Li conosco bene questi piatti che porto spesso sulla mia tavola.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  9. Patrizia,ma che fame mi hai messo?La prova del nove...si quando ho l'acquolina in bocca,vuol dire che quella ricetta è da fare,capisco subito che mi darà piacere puro!Poi vabbè,parli di pane casereccio,di vino generoso...okk io vado sulla sdraio,tu intanto regalami un bel paninozzo,;)!Grazie cara!

    RispondiElimina
  10. anche io qualche tempo fa ho postato la ricetta delle uova in purgatorio,semplice però, le tue sono deliziose,pensavo che solo mio nonno napoletano le chiamasse così ,scopro che ci sono molte affinità culinarie e non tra Campania e Abruzzo,complimenti per la ricetta

    RispondiElimina

Grazie per l'attenzione e per i commenti che vorrai lasciarmi :) !
Patrizia