martedì 1 aprile 2014

Crema di lenticchie rosse all'arancia




Capita di rado per fortuna, ma può  succedere che devo rimanere fuori tutto il giorno, saltare le mie poche ore di pausa pranzo e rientrare ormai a sera, senza aver fatto neppure la spesa.
Non è di certo il  problema di  mettere su una cena veloce che mi scombussola, ma quanto il fatto di dover rinunciare ai miei rituali, alla mia casa, ai miei spazi, pur se per  quel piccolo lasso di tempo che però "spezza" la mia giornata, così  che mi pare di essere stata fuori e di aver  lavorato 20 ore tanto si dilata il tempo!
E quando arriva sera, finalmente a casa, apro la dispensa e comincio a mettere a fuoco barattoli, buste, lattine, colori. E penso.
Tiro fuori le lenticchie rosse che però sono di un arancione bellissimo ed acceso e quando cuociono diventano gialle,  e procedo.
Mi piacciono da matti. Non solo quelle rosse, ma le lenticchie in generale, che fanno pure molto bene!
Una volta con mio marito, andavamo in Umbria apposta per fare le nostre scorte alimentari, partivamo la mattina e tornavamo la sera, dopo una giornata meravigliosa in giro in questa regione a noi vicina e stupenda che io amo tantissimo, con il nostro bottino di cose buone!
Le fioriture di Castelluccio di Norcia sono meravigliose e da vedere, almeno una volta nella vita! Ed anche le infiorate di Spello, come è sempre stupenda , magica e mistica Assisi, col suo rosa tenue delle case, delle pietre del  Monte Subasio. 
E le lenticchie di Castelluccio sono buonissime e saporite, ci preparo anche delle polpettine leggere e molto gustose, magari la prossima volta lascerò qualche altra  ricetta!
Nota : le lenticchie rosse cuociono  e si disfano in fretta ed  assorbono in poco tempo l'acqua di cottura, regolatevi quindi ed aggiungete l'acqua necessaria per ottenere la densità che preferite.

Ingredienti 
per 4 persone
250 g di lenticchie rosse
2  carote
1 cipolla bionda
1 grossa arancia
olio evo
sale, pepe
miele fluido
timo fresco
pane raffermo

Procedimento
Affettate la cipolla, tagliate a pezzettini le carote e fatele appassire dolcemente in una padella capiente, con 2 cucchiai d'olio evo, per circa 10 minuti .
Lavate e sgocciolate le lenticchie ed aggiungetele alle verdure. Ricoprite il tutto  con acqua calda, aggiungete il sale e fate bollire dolcemente per 20 minuti circa. Se preferite, potete aggiungere al posto dell'acqua calda, del brodo vegetale caldo. 
Spremente l'arancia, aggiungete il succo alle lenticchie, fate amalgamare sul fuoco ancora 5 minuti e poi spegnete.
Frullate il tutto. 
Tagliate a dadini il pane raffermo, fatelo tostare in una padella antiaderente con un filo d'olio, sale e pepe. 
Porzionate la crema di lenticchie, guarnite con un filo d'olio evo, una grattata di pepe e qualche goccia di miele.
Aggiungete i crostini di pane tostato, profumate con delle foglioline di timo fresco e servite.

Buona giornata e buon Aprile a tutti ... ma come corre il tempo !!!

 








18 commenti:

  1. Buongiorno cara!
    Aspettavo questa ricetta. Anch'io come te adoro le lenticchie ma non sono mai stata a Castelluccio di Norcia...dovrò assolutamente rimediare la prossima volta che andrò in Umbria.
    Complimenti per tutto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie di cuore cara Donatella, per la crema che ti ha incuriosita da subito e per le tue parole ed i complimenti, sono di grande incoraggiamento per me , davvero tanto !
      Ti abbraccio :)

      Elimina
  2. Buona e profumata questa crema, un'ottima ricetta davvero!!!!

    RispondiElimina
  3. ma che bella ricetta invitante e colorata...grazie patrizia per tutto l'affetto e la dolcezza che mi dimostri, sappi che è ricambiata allo stesso modo se non di più! sei troppo brava e carina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai che ti voglio bene Ale? Si, ti voglio bene perchè sei una ragazza speciale :)
      Ti abbraccio forte e grazie , sono felice di averti conosciuta e chissà che un giorno non salga dalle tue parti...

      Elimina
  4. A volte dalle cene improvvisate vengono fuori le cose migliori^^ brava, una ricetta davvero molto invitante!
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai una cosa Claudia, vorrei andare in pensione e dedicarmi solo alle mie passioni , ma campa cavallo, manca una cifra eh eh eh !
      Baci e grazie :)

      Elimina
  5. Mamma mia questa zuppa mi fa venire l'acquolina e vorrei poterci affondare il cucchiaio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te Consu, baci e a presto !

      Elimina
  6. patrizia uno spettacolo di zuppa e che colori stupenda davvero senza parole

    RispondiElimina
  7. Molto invitante, la proverò presto.
    grazie per aver condiviso questa meraviglia
    amelie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere il tuo apprezzamento Amelie, grazie :)

      Elimina
  8. Ciao Patrizia, la tua zuppa è uno spettacolo!! Anch'io adoro le lenticchie, in tutti i modi e le preparo spessissimo. Dovrò provare assolutamente questa tua ricetta meravigliosa! A presto, Mary

    RispondiElimina
  9. Il post qua sotto,è una poesia.L'ho letto tutto d'un fiato e mi son rivista in tante scene e anche se siamo solo in due sorelle,so quanto conti poterla avere e condividere con lei tutto...complimenti cara,hai fatto una descrizione coinvolgente!E coinvolgenti sono le tue lenticchie arancione...che colori e che abbinamenti particolari!
    Un bacione Patrizia e grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero che sono i doni del cielo le sorelle, cara Damiana? Infatti io ringrazio sempre lassù :)
      Grazie di cuore anche a te e un abbraccio immenso !

      Elimina
  10. Io per anni uscivo di casa alle 8 e tornavo alle 20...perciò so benissimo come ci si sente ! Mi sono innamorata di castelluccio con un articolo con tanto di foto su Qui Touring. Sto facendo un pensierino se andarci con il ponte del 25 aprile, ma devo esser certa che ci sia la fioritura. Le zuppe di legumi mi piacciono tanto. Che bel colore che ha la tua ! Ciao Patrizia !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cristina, le fioriture a Castelluccio le trovi in diversi periodi dell'anno, anche d'estate, ma certo le più belle sono le primaverili! Se tutto procede senza intoppi, questo w e mi dedico al dolce per il tuo contest :) ! Baci !

      Elimina

Grazie per l'attenzione e per i commenti che vorrai lasciarmi :) !
Patrizia