lunedì 4 febbraio 2013

Cozze gratinate alla mia maniera


Non amo molto le cozze.
Cucinate semplicemente alla marinara non mi fanno impazzire, ma se alle cozze aggiungo qualcosa di gustoso e le lascio gratinare al forno ... allora si che le mangio volentieri!
Ci vuole il doppio del lavoro per prepararle ma ne vale decisamente la pena , mi gratifica non poco e non solo me :)



Per questa ricetta di solito vado ad occhio senza pesare nulla, ma per riportarla al meglio darò delle indicazioni che  però possono variare, insomma, se la farcia non basta , basterà prepararne ancora un pò !

Ingredienti :
1 kg di cozze
150/180 gr di pane grattugiato
un ciuffo di prezzemolo
un cucchiaio abbondante  di pomodori a pezzetti (quelli delle conserve)
2 cucchiai di olio
2 cucchiai di vino bianco secco
liquido di cottura delle cozze
1 spicchio d'aglio
sale e pepe a piacere
(Ci stanno anche bene dei pezzetini di peperone rosso dolce arrostito)

Procedimento :
Lava e pulisci bene le cozze sfregandole tra di loro , elimina il filo grigiognolo (bisso) tirandolo con un coltello;  ponile in una larga padella e lasciale aprire coprendole con un coperchio.
Quando sono tutte aperte, togli la metà del guscio a cui non è attaccato il mollusco.
Filtra il liquido di cottura .
In una ciotola amalgama il pane grattugiato con il prezzemolo tritato finemente, l'olio, il vino, il pomodoro, lo spicchio d'aglio tritato e l'acqua di cottura filtrata. Deve risultare un composto nè troppo asciutto nè troppo liquido. Metti sale e pepe a piacere. 
Farcisci con questo composto i gusci con il mollusco, sistemali su una teglia e irrorali con dell'olio d'oliva.
Cuoci in forno già caldo per una decina di minuti a 200° circa (io uso il ventilato).

Una mia amica  dice che le cozze  aperte con un coltellino a crudo e a crudo farcite e gratinate, sono molto più saporite e buone.
Ha ragione, io e lei le abbiamo preparate per una cena di S. Silvestro tra amici  e hanno avuto un gran successo! Se hai pazienza e tempo , prova ad aprire i gusci con un coltellino affilato,  facendo attenzione a non romperle e farciscile a crudo !

Sentirai... il profumo del mare...

 Riserva Naturale Punta Aderci, Vasto - Abruzzo

4 commenti:

  1. Grazieeeeeeeee! Il mio mare! Che bello il trabocco, poesia pura!
    E ottime le cozze, è da un po' che non le mangio così, mi hai fatto venire voglia!
    Con questo post mi hai fatto un regalo enorme!

    RispondiElimina
  2. Riguardando bene la foto ho fatto questa considerazione: non è meraviglioso, unico, un paesaggio con il mare e dietro le montagne con la neve? Fantastico!

    RispondiElimina
  3. Credo che l'Abruzzo sia una regione unica proprio per questo, sali a 2000 metri e scorgi all'orizzonte il mare, scendi sulla spiaggia e dal mare scorgi le montagne innevate :)
    Ho pensato a te postando questa foto insieme alla ricetta, Dana e sono felice del tuo apprezzamento!
    Grazie di cuore , i tuoi trabocchi meritano così tanto che non vedo l'ora che torni l'estate per girarli ancora un pò!

    RispondiElimina

Grazie per l'attenzione e per i commenti che vorrai lasciarmi :) !
Patrizia