giovedì 31 gennaio 2013

Fagottini di verza



A volte capita di scervellarsi per trovare qualcosa di diverso da portare a tavola e alla fine basta un banco di frutta e verdura invitante per avere l'ispirazione!
E' il caso di questi fagottini e dall'aspetto meraviglioso delle piccole verze, troppo belle , fresche e sode per non deciderle di prenderle!
Per il ripieno sono andata un pò ad occhio, utilizzando anche della mortadella che avevo in frigo!

Ingredienti :
(4 porzioni)
1 cavolo verza
300 g di carne macinata
80 g di mordatella
1 uovo
4 cucchiai di parmigiano
1 patata
1 cipolla bionda
mezzo bicchiere di vino bianco
sale e pepe
4 cucchiai di olio
Inoltre , spago da cucina

Procedimento:
Pulisci la verza eliminando le foglie più dure, lava le altre e scottale per due minuti in acqua bollente salata.
Passale in acqua fredda e asciugale. Lessa la patata e schiacciala con un forchetta.
In una ciotola mescola la carne macinata con l'uovo, il parmigiano,la mortadella macinata, la patata e regola di sale e pepe.
Impasta bene il tutto e con il composto forma delle piccole polpette.
Avvolgi ciascuna polpetta in una foglia di verza, poi lega i fagottini ottenuti con lo spago da cucina.
Affetta la cipolla e falla appassire in una padella con l'olio per circa 5 minuti a fuoco basso.
A questo punto, aggiungi i fagottini di verza e bagna col vino bianco lasciandolo evaporare a fiamma vivace. Versa poi un pò d'acqua (un bicchiere circa), copri con un coperchio e lascia cuocere a fiamma bassa per mezz'ora.
Servi gli involtini irrorandoli col fondo di cottura e ... buon appetito!






lunedì 28 gennaio 2013

Frittura mista dell'Adriatico




Cosa c'è di più buono (e sfizioso) di una buona frittura di pesce? Secondo mio marito solo un bel piatto di spaghetti con le vongole, tante vongole! Anzi, diciamo che è difficile scegliere tra i due piatti , difatti il suo diventa un ritornello che ripete spesso, molto spesso :-" che voglia di una bella frittura che ho! Se ci metti pure uno spaghettino è il massimo!"-
Come non accontentarlo? Se poi sono fortunata e trovo in pescheria un bel misto ricco fresco che il nostro mare generosamente offre, non mi resta che mettermi all'opera e preparare la mia frittura mista dell'Adriatico!
Facile, troppo facile per me !

Ingredienti :
(per 4 porzioni)
1 kg di pesce misto
(busbane, triglie, alici, merluzzi, calamari, gamberetti)
farina q.b.
olio di arachide per friggere
1 limone


Procedimento:
Pulisci bene i pesci eliminando le viscere e le squame e sciacquali sotto il getto dell'acqua corrente, quindi mettili a scolare in uno scolapasta.
In un largo piatto versa un pò di farina ; passa pochi pesci alla volta nella farina e scuotili per eliminare quella in eccesso.
Nel frattempo lascia scaldare in una padella larga l'olio di arachide . Tuffa i pesci infarinati nell'olio disponendoli in uno solo strato e friggi per due/tre muniti.  Con una schiumarola sgocciolali e mettili sopra della carta assorbente in modo che perdano l'unto  in eccesso.
Sala leggermente i pesci e disponili su di un piatto guarnendo con delle fettine di limone.



Il pane della domenica


Non finirò mai di ringraziare la mia sorellina per il suggerimento che mi ha dato in merito all'acquisto della macchina del pane.
- Penso che ti sarebbe utile, a te che piace tanto impastare !-
Ha ragione, a me piace tanto impastare e purtroppo non ho a disposizione il tempo che vorrei per farlo... spesso!
Mettiamoci pure che non sono ancora attrezzata a dovere con impastatrici e planetarie e ho detto tutto!
Comunque, la macchina del pane che da oltre un anno è entrata ufficialmente nella mia cucina, svolge egregiamente il suo compito e mi ha permesso di ottimizzare al meglio il mio tempo e se prima pensare di impastare la pizza nei giorni feriali il più della volte rimaneva  appunto solo un pensiero,  ora mi basta mettere  tutti gli ingredienti nel bicchierone ,  avviare e ... il gioco è fatto!
Che dire poi del pane fatto in casa? Il buon profumo del pane appena sfornato alleggia nella mia mente tra i ricordi più belli, mi basta chiudere gli occhi per sentirlo e rivedere la mia adorata nonna nella sua casa di campagna, intenta a prepararlo amorevolmente  e a disporlo ordinatamente nelle ceste insieme a pizze, maritozzi, biscotti da latte , appena tirati fuori dal forno a legna.
Il mio pane di certo non potrà mai essere come il suo, ma io mi diverto a farlo e a provare ogni volta impasti con farine diverse .
Ultimamente mi è scoppiata la passione per le mini baguette farcite .... mmmmm !!!

Ecco la ricetta  di ieri :

Ingredienti per 4 piccole baguette :
190 ml di acqua
2 cucchiai di olio
1 cucchiaino di sale
2 cucchiaini di zucchero
280 g di farina 00
70 g di farina semintegrale
6 g di lievito di birra

Inoltre, per farcire:
pomodori secchi  sott'olio
noci tritate
speck tagliato a striscioline
pancetta a cubetti

Procedimento :
Con la macchina del pane, procedo mettendo prima  gli ingredientii liquidi, lo zucchero,  il sale  e sopra ai liquidi gli  ingredienti  solidi  con  il lievito sbriciolato , avvio e lascio impastare e lievitare come  da programma (due ore in tutto).
Senza macchina del pane impasta tutti gli ingredienti in una ciotola o nella planetaria e lavorali insieme fino ad ottenere un pasta morbida e liscia.
Lascia lievitare almeno due ore.
A lievitazione avvenuta, riprendi la pasta e dividila in 4 panetti. Allarga ogni panetto e aggiungi al centro di ciascuno il condimento : 4/5 pomodori secchi sott'olio asciugati e tagliati a pezzetti, noci tritate, speck tagliato a striscioline, cubetti di pancetta precedentemente soffritta in padella senza aggiunta di olio.

Impasta velocemente e forma le baguette . Disponile sulla placca del forno e con un coltello affilato, incidile nel senso della lunghezza e  infarinale un pò. Lascia lievitare ancora  mezz'ora nel forno  lasciando la luce accesa.
Cuoci in forno già caldo per i primi 10 minuti a 210° e  a 190°per altri 10-15 minuti.





E con lo stesso impasto, sostituendo la farina semintegrale con lo stesso quantitativo di manitoba, eliminando le farciture,  si possono fare dei piccoli panini croccanti fuori e morbidi dentro !




Cupcakes al cacao con frosting al Philadelphia e cioccolato bianco




Gran freddo lo scorso fine settimana, decisamente tanto freddo ... ma d'altra parte siamo a fine gennaio, nel colmo dell'inverno e di certo non possiamo lamentarci .
Ma io il freddo e l'inverno lo digerisco poco e più passa il tempo, sempre meno mi piace.
Di positivo però questa stagione ha che è bello lasciarsi avvolgere dal calore delle mura domestiche ed io a casa ci sto così bene... la mia casa, i miei affetti, i mie rituali  :  concretezza, punti fermi della mia vita .

In cucina poi d'inverno si sta divinamente , no?
Ieri avevo voglia di qualcosa di "cioccolatoso", avevo pensato ad una torta col cioccolato che ho in gran quantità in dispensa ; poi però ho cambiato idea ed ho rispolverato una vecchia ricetta di cupcake al cacao amaro : sono una fan dei dolcetti monoporzione .
Pensato, fatto! I cupcake sono venuti  buonissimi ,conferma ne è stata la velocità con la quale sono spariti. Un pò meno successo ha auto il frosting al philadelphia che nè mio marito nè mio figlio amano troppo, ma non è una novità, questa :) ; come non è una novità la mia incapacità di sistemare la crema in modo decente e con mano decisa sui suddetti cupcakes. Dovrò continuare ad esercitarmi !  

Ingredienti :
(per 10 cupcakes)

150 g di zucchero
100 g di farina 00
50 g di cacao amaro
125 g di burro morbido
2 uova
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
1 cucchiaino di  lievito per dolci

Per il frosting :
180 g di Philadelphia
60 g di cioccolato bianco
20 g di burro
2 cucchiai di zucchero a velo
1 cucchiaio di alkermes (facoltativo :l'ho aggiunto per dare una colorazione rosa al frosting!)  
gocce di cioccolato

Procedimento :
Lavora bene in una ciotola il burro morbido con lo zucchero finchè diventa cremoso, aggiungi il primo uovo e fallo incorporare bene, aggiungi il secondo uovo ed il cucchiaino di essenza di vaniglia. 

Infine aggiungi  la farina, la polvere lievitante ed il cacaco precedentemente setacciati insieme.
Continua a girare con le fruste fino al raggiungimento di una consistenza cremosa. 
Sistema  con un cucchiaio il composto nei pirottini (io ho usato quelli di silicone) riempendoli per 2/3 e cuoci nel forno già caldo a 180° per circa 20 minuti.
Sforna e lascia raffreddare.

Prepara nel frattempo il frosting : sciogli a bagnomaria il cioccolato bianco con il burro, lasciolo intiepidire, uniscilo  poco alla volta al Philadelphia girando per amalgare il tutto, aggiungiinfine  i due cucchiai di zucchero a velo e gira ancora  per ottenere una crema liscia e morbida. 
Riempi una tasca da pasticcere con il frosting e decora ciascun cupcake. Aggiungi  le gocce di cioccolata o dei confettini colorati a piacere.

Buoni, morbidi, cioccolatosi , terapeutici per il freddo che fa  :) !





giovedì 24 gennaio 2013

Candele dolci e... l'atmosfera è servita !



Mi piace pensare al Natale come ad un periodo sospeso.
Sospeso e bianco.
Bianco e silenzioso.
Come quando scende la neve e tutto avvolge nella sua carezza ovattata. 
E tutto diventa magica atmosfera.    
E' difficile da descrivere ma è così che mi sento a Natale: sospesa, protesa ad ascolare il silenzio di una ricorrenza che regala tante sensazioni ed emozioni diverse.
A volte impregnate di un pizzico di malinconia alla quale è difficile attribuire una fonte precisa, anche se mi piace pensare che sia solo il tempo che passa e mi attraversa, che rimescola i ricordi dei Natali passati al presente e lascia i suoi segni.
Ma poi è l'atmosfera dolce della festa che ha il sopravvento ed il piacere di stare a casa, con i miei cari, a coccolarli e lasciarmi coccolare.  

Ma non voglio perdermi dietro a tante parole, voglio invece parlare della ricetta più d'effetto  e più dolce che ho realizzato per la vigilia di Natale a casa mia : le candele alla crema con fiammelle al caramello ! Un vero successo!
Natale è ormai passato da un mese ma avevo pensato a questa ricetta per inaugurare il mio blog e, pur se non sono riuscita a rispettare i tempi che mi ero data, è con questa ricetta che voglio lo stesso iniziare !

Ingredienti
Per la pasta frolla: 
250 g di farina 00
1 uovo + 1 tuorlo
120 g di burro freddo
100 g di zucchero
1 pizzico di sale


Per la crema pasticcera :
3 tuorli 
5 cucchiai colmi di zucchero
3 cucchiai rasi di amido di mais
3 bicchieri di latte
1/2 baccello di vaniglia inciso nel senso della lunghezza


Per le fiamme di caramello :

80 g di zucchero

un cucchiaio d'acqua 



Inoltre :

poco latte

granella di nocciole q.b.

zucchero a velo per guarnire

Procedimento
Prepara la pasta frolla sbriciolando il burro freddo tagliato a pezzetti con la farina e lo zucchero, unisci  il tuorlo e l'uovo, un pizzico di sale e  lavora velocemente .
Avvolgi la pasta frolla con la pellicola trasparente e lasciala riposare in frigo almeno un'ora.
Nel frattempo prepara la crema pasticcera : scalda il latte con il baccello di vaniglia e un pezzetto di scorza di limone. Sbatti in un pentolino i tuorli con lo zucchero , aggiungi la farina e infine versa il latte  filtrato a filo mescolando per non lasciar formare grumi.
Porta il pentolino sul fuoco e cuoci la crema a fiamma bassa mescolando fino al raggiungimento della densità desiderata.  Lascia raffreddare.
Per le fiammelle , sciogli sul fuoco  lo zucchero con il cucchiaio d'acqua e mescola fino a quando sarà leggermente caramellato. Intanto stendi un foglio di carta forno sul piano di lavoro. Preleva con l'aiuto di un cucchiaino un pò di caramello e lascialo cadere sulla carta cercando di dargli la forma di una fiamma (attenzione a non scottarsi!) e inserisci alla base di ogni fiammella, uno stecchino . Lascia solidificare le fiamme.
Riprendi la pasta frolla e stendila sul piano di lavoro in un sfoglia sottile. Con una rotella liscia, taglia dei rettangoli di diversa larghezza  così da ottenere delle candele di altezza diversa. Imburra e infarina dei cilindri di metallo, avvolgi su ciascuno di essi un pezzo di pasta fissando bene le estremità. Spennella la pasta con il latte e rotola i cilindri  nella granella di nocciole messa in un piatto.
Cuoci i cilindri di pasta in forno già caldo a 180° per circa 20 minuti o comunque fino a leggera doratura.
Quando i cilindri  di frolla saranno freddi, sfilali dagli stampi e procedi alla preparazione del  centrotavola tutto da mangiare !
Con una tasca da pasticcere  riempi ciascun cilindro di pasta con la crema  (alla quale io ho aggiungo poca panna montata che ovviamente si può omettere) e sistema ogni candelina in verticale su di un piatto o  alzatina, metti una fiammella su ogni candelina e guarnisci con zucchero a velo per creare l'effetto neve (a me piace tanto!).
Una ricetta semplice, più lunga da riportare che da  fare !
Nota :  per la crema pasticcera ho usato una delle tante ricette di famiglia. E' semplicissima e riesce sempre, non si deve pesare niente e prevedere per ogni tuorlo d'uovo, un cucchiaio di zucchero, un cucchiaio di amido di mais e un bicchiere di latte.  Con lo zucchero , per una crema più dolce, spesso raddoppio quasi come in questo caso. Più semplice di così!