domenica 24 giugno 2018

Il Gargano, un week end e... le friselle

Peschici

Abbiamo ripercorso a distanza di anni luoghi visti e rivisti.
E' stato molto bello. 
Soprattutto per quegli  angoli dei quali conservavo nella memoria piccoli particolari che ho ritrovato, identici.
Un fine settimana pensato all'ultimo minuto un giovedì, poco più di due ore di viaggio per arrivare a Rodi Garganico, dove non ci eravamo mai fermati. 
Una meravigliosa scoperta, il bianco delle sue viuzze, l'azzurro intenso del suo mare, il rosso acceso dei papaveri di giugno, la simpatia del pescatore che ha percorso con noi il tragitto di strada dal porto fino al paese, il profumo del mare, il buon pesce appena pescato  gustato su una terrazza  con vista fantastica.
E poi...
Peschici bella come la ricordavo  e Vieste.
Vieste che ho riscoperto bellissima  più del mio ricordo, tanto che me ne sono innamorata. Perchè "Il viaggio non finisce mai" ... ma neppure i viaggiatori!

Questo è il mio Gargano,cost to cost da Rodi, a Peschici, fino a Vieste ...





A Casa ho portato le friselle comprate al piccolo panificio in piazza a Rodi, i taralli, i pomodori secchi e l'origano secco. 
Ogni volta di un viaggio mi restano addosso i profumi, i sapori ed i colori. 
E ... una volta a casa, mi basta bagnare una frisella, condirla ed al primo morso tutto il bianco, tutto l'azzurro e tutto il calore di questa terra, tornano come una piccola magia...

Per le friselle
Ingredienti
2 friselle
acqua fredda
pomodorini
mozzarelline cigliegine
olio d'oliva
sale
origano
basilico fresco.

Come si fa
Le friselle vanno rigorosamente bagnate per ammorbidirle, sotto un getto di acqua fredda oppure immerse velocemente in una bacinella di acqua fredda così che assorbano meglio il condimento, ma mai tenerle in ammollo!
Condite con pomodorini tagliati a pezzetti, sale, olio, origano e basilico fresco.
Io alle mie ho aggiunto delle mozzarelline ben sgocciolate.




















Vieste 

















Rodi Garganico











lunedì 11 giugno 2018

Happiness is a piece of cake


https://www.youtube.com/watch?v=0HUkv6jgerA

(
Thegiornalisti - Questa nostra stupida canzone d'amore)

Ritrovare un vecchio libro, aprirlo a caso e rileggere le frasi sottolineate.
Ascoltare vecchie e nuove  canzoni alla radio.
Un giorno come tanti, con i soliti pensieri che si rincorrono mentre cerco di metterli in ordine.
Osservo il mio gatto, la sua serafica calma che osserva me; mi fa sorridere.
Lui ha capito tutto della vita. 
Aspetta. Che mi decida a far qualcosa.
Apro la dispensa ed  in alto vedo qualcosa di giallo che spunta fuori: stampini di carta presi che non ricordo più da quanto tempo.
Cerco ancora, la mia è una dispensa enorme e contiene di tutto: gocce di cioccolato, mandorle a lamelle, uvetta sultanina, cacao amaro, farina;  una pera matura nel cestino della frutta e poi la paletta per dolci che mi ha regalato mia sorella, ancora nella scatola trasparente.
So quel che voglio fare adesso, subito.

La felicità è una piccola cosa.
Un giorno come tanti, un vecchio libro riaccarezzato, canzoni che vanno, la mia casa ed il mio gatto, una ricetta da (ri)fare, un regalo bellissimo e... un pezzo di torta!  


“C’è un ape che si posa
su un bottone di rosa:

lo succhia e se ne và…

Tutto sommato, la felicità

è una piccola cosa.”

(Trilussa)


4 piccoli plum-cakes

Ingredienti 
200 g di farina 00
200 g di burro a temperatura ambiente
200 g di zucchero
3 uova 
2 tuorli
1/2 bustina di lievito per dolci (2 cucchiaini)
scorza grattugiata di 1 limone bio
Inoltre:
gocce ti cioccolato
una pera
uvetta
mandorle a lamelle
cacao amaro
4 stampini di carta da plum cake

Come si fa
In una ciotola o nella planetaria, lavorate il burro morbido con lo zucchero fino ad ottenere una crema. Aggiungete alla crema di burro i 2 tuorli, le 3 uova, la scorza del limone, la farina setacciata con il lievito. Amalgamate bene il tutto fino ad ottenere un composto soffice ed omogeneo. 
Dividere l'impasto in quattro parti uguali.  Aggiungete ad uno gocce di cioccolato e piccoli pezzetti di pera, ad un altro mandorle a lamelle e uvetta, ad un altro solo mandorle a lamelle in superficie; infine dividete l'impasto rimasto ancora in due  parti e ad uno aggiungete un cucchiaio di cacao amaro per il plum-cake  variegato.
Versate  gli impasti nei 4 stampini  e cuocete in forno preriscaldato a 170° per circa  30-40 minuti. 
NOTE: Invece di 4 mini plum-cake, potete farne uno solo con lo stampo classico con la farcitura che più vi  piace ! Aumentate il tempo di cottura a circa 45-50 minuti.


“Chissà se l’estate si addormenta anche laggiù,nella casa di Saint-Rémy?
 Chissà se anche lì c’è il gusto di infilarsi un maglione e aspettare la fine delle vacanze? 
Laggiù non lo so. 
Il tempo si è fermato nella luce imperturbabile dell’estate, 
laggiù c’è una casa bianca, e io ti aspetto.”
 
(La stagione azzurra -Philippe Delerm)